Tu mi dici addio

Io ti fanculizzo, fondamentalmente. Se n’è andato il truzzo atroce. Meglio, se ne sta andando. Prima voglio vedere il banco che sia vuoto e che non lo sia per le sue scappatelle in montagna per discutibili competizioni sciistiche, ma che lo sia davvero. Quello stesso banco è addobbato a mo’ di bacheca dei trofei circa le proprie conquiste (Ines, cazzo). Non che io sia felice, ci mancherebbe – o forse no- ma non sono ancora abbastanza apatico per non essere toccato da una classe che piange attorno a me (immagine iperbolica, ma molti hanno rotto anche senza piangere). Il punto è che non m’è mai piaciuto, nemmeno di striscio e nemmeno per sbaglio. E penso lo sapesse, ché gliel’ho detto più volte, per quanto ironico lui possa e potesse ritenermi, un minimo di amor proprio dovrebbe essere rimasto in giro per il mondo – il mio, che s’è smarrito, sarà approdato da qualche altra parte. Speriamo che ci stia, ché se torna ora è proprio un casino. Ma anche domani, per dire – e dovrebbe aver capito che non lo sopportavo, in ogni possibile modo e per ogni possibile ragione, ma proprio non lo reggevo. In tutto ciò, non m’ha salutato. Ci sono stati un paio di Tia, ti mancherò, vero? sparsi per la giornata e per la settimana (ohssì, io sono stato uno degli eletti a cui l’ha comunicato con due giorni di anticipo e là ho espresso il mio sprezzante cinismo che non ha né recepito né gradito), ma non mi ha strappato frasi di cordoglio o di commiato che fossero. E, per la cronaca, ne sto scrivendo perché mi piaceva la dicotomia tra titolo e prima frase e perché è stato l’evento della giornata, il resto è stato piuttosto subdolo e inutile. Ho saltato in alto, piuttosto malamente, per quanto tecnicamente la misura l’ho superata, sebbene una terza mia appendice inutile (piede destro, nello specifico) abbia urtato l’asta – che era un elastico, in realtà, ma fingere che fosse un’asta e poi dover aggiungere questa parentesi allungando il post mi rende felice nel profondo – per ben due volte. La terza prova, fortunatamente, l’ho evitata. E poi basta, la giornata è scivolata via, un po’ come al solito, tra un invito a un compleanno per sabato sera (invito non diffuso dall’invitato, tra l’altro, mi sentirò inutile e non gradito, ammesso e non concesso che vada per spassarmela tutta la notte con loro) e nient’altro. Tutta la parte che precede quella che ora la segue, l’ho scritta prima della doccia. Prima di docciarmi, meglio. Giacché solitamente uso la doccia come modo per riesumare i pensieri – il bagno, in generale, è propedeutico. Le mie uniche idee sono prodotte mentre mi lavo i denti, quelle 2-3 volte al dì sono proprio una fucina inesauribile e inarrestabile – stasera non avevo di che scrivere e quindi ho provato a sfuttarla. E, oltre allo scrivere del mezzo in sé – e i mezzi prima o poi finiranno, ne sono purtroppo conscio – non c’è stato proprio nulla. È in frangenti simili che capisco che, tolta qualche messaggio qua e là, è stata una giornata proprio buttata. Anche quando ho discusso di sesso pre-matrimonio (in modo massimamente e smaccatamente ipocrita) con la classica compagna di classe timorata di Dio (no, non è classica come cosa, lo so e me ne cruccio)  – no, non è annoverabile tra le note positive, ché non ha aggiunto niente alla mia vita e soprattutto non alla sua – però avevamo più o meno le stesse idee. Sono un timorato di Dio, e ne vado fiero. Ora, il punto è un altro ed è il male, ed è il fatto che E mi attacco alla scuola che altrimenti si cade.

Ora vesti tante luci, dove non esiste il tempo
e di sogni di altri mondi sono quadri appesi al vento
e le stelle ti ameranno senza chiederti chi sei,
scivolando nel tuo cuore o posandosi su te,
mille uomini celesti culleranno le tue notti
mentre tutto intorno suoni nuovi e dolci sentirai.

Una Risposta to “Tu mi dici addio”

  1. Gianluca Says:

    Non fare il cinico, ammettilo che il pucci ti mancherà

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: