La presunta santità di Zed

Non so da quanto non scrivo e non sono così sicuro di voler controllare e ormai direi che non ne vale più la pena, non so perché dovrebbe. Non ricordo cosa mi sia accaduto questa settimana, anche se ho un paio di idee circa quelle che non mi sono accadute. Al solito, tralascio le cose interessanti, non vorrei distrarre il lettore. Giovedì sono stato a scuola. A farmi fotografare. Per un tesserino identificativo. Per mangiare. Quindi mi schedano e così io posso pagare per sopravvivere. Niente male, mi pare un sistema infallibile. Gli darei pure le mie impronte digitali, non le avessero già. Lunghe code divise per lettera, il ritenere totalmente inutile che rifacciano la foto ogni anno, al che ti dicono che è per l’annuario, al che ritieni totalmente inutile l’annuario, al che scopri che vi comparirai anche tu e le varie idee minanti il tuo cervello circa la possibilità di nascondere questo viaggio ai posteri in modo magistrale – Sai, una volta sono morto per tre mesi, m’è successo in aeroporto – sfumano tutte, come un lago in un dipinto di un pittore che ci sapeva fare che ha ritoccato il tuo perché l’avevi fatto male, si disperdono e tocca ripensare tutto daccapo. E insomma, così è. Mercoledì ho invece potuto apprezzare un’altra prelibatezza statunitense: la farmacia drive-thru. Si lascia un nominativo a una commessa (ogni medicina prescritta ha un’etichetta con la prescrizione e la somministrazione e così via) che si disperde nei meandri di quella che più che una farmacia pare una banca americana (che più che una banca pare la hall di un albergo. Mentre vai a saldare i debiti del mese precedente, tra cui il gioco del centro commerciale da 2$ che puoi pagare con la carta, i tuoi figli, o i tuoi genitori, o chiunque tu ti porti dietro, può dilettarsi con la Wii a disposizione della clientela) e poi torna e se ne va di nuovo e ti manda un dottore che ti parla al telefono pur essendo a un metro da te circa la somministrazione. Strisci e te ne vai. Insomma, abbiamo il Ritalin. Credo di aver capito una pastiglia al giorno per la prima settimana, due per la seconda e la terza settimana e tre per un periodo indeterminato dopo quello. E insomma. Non ho ancora visto grossi cambiamenti, ma è perché sono stato poco con lui. E già questo è, in sé e di per sé, un miglioramento.  Ma lo è per me e non per lui. Che poi, quali, tra quelli che ha, siano problemi curabili con medicinali, è tutto ancora da discutere. E di nuovo insomma. Stamattina, e siamo già slittati a domenica, mentre ieri mattina, quando scrivevo stamattina, era sabato, ho scoperto l’esistenza delle Flu Shot Gift Card. E i miei prossimi regali di compleanno son sistemati. Potrei considerare l’idea di fare regali di compleanno più che altro a persone che non sopporto, ecco. Poi c’è stato il venerdì. Nel senso che è avvenuto e non ho potuto fare granché. Per la cronaca, sono cinque giorni che questo post è in fase di scrittura e ricordo a malapena dove stava andando a parare. Quindi il perseguimento di ogni qual cosa potesse essere perseguita è stato definitivamente abbandonato. Ora, venerdì. Partiamo da giovedì. L’host father mi ha invitato a conoscere gli host granparents, che vivono in campagna, dove son cresciuti lui e suo fratello, dopo essersi trasferiti dalla California. Sveglio alle otto, sveglia quindi un’ora buona prima, ché mi avevano detto che saremmo partiti alle otto e non ne è stato nulla fino alle nve. Curioso che nessuno dei nipoti volesse vedere i nonni, mentre io, sconsciuto, sono stato ampiamente accolto in quella casa e così via. Particolarmente accolto anche dal cane, che credo si chiami Molly, che mi adorava e che io sostanzialmente adoravo. Anche se mi leccava le mani, ecco. Nei miei blandi tentativi di mantenere la conversazione sulla strada d’andata, m’è scappato un “Com’è che raccolgono quel corn e poi ci fanno i miei tanto amati corn dogs?” che mi ha trascinato, ché sebbene fosse scappato eravamo ancora ampiamente legati, in una tenuta campagnola, a guardare una mietitrebbia. Mica palle, eh. Giacché ero interessato a quello quanto al clima che c’è in Uganda tra il 23 e il 24 febbraio (in mia piena apatia invernale) e la cosa doveva trasparire in modo eclatante – e me ne stupisco e me ne sorprendo e ne gioisco facendo gioire anche altrui – tant’è che in breve – sufficientemente breve da non uscire di testa, non a sufficienza per evitare che iniziassi a grondare sudore e a mandare sms di aiuto qui e là – mi hanno portato via. Nuovo giro a casa, nuova perdita del contorno delle mie mani trasformatesi ormai in leccalecca, si esce a pranzo. Si fa da Philly’s. Che secondo me era spettacolare solo per il nome, ma c’erano pure altre ragioni. Luce soffusa, pressché spenta. Menù enorme esposto di fronte all’entrata, in modo da non poter assolutamente sbagliare. Cameriera bionda, lontana parente di una qualsiasi cameriera italiana, ma che il mondo ritiene ben più simpatica, il signor Philly che si può tranquillamente scambiare per un enorme orso polare tassidermizzato se non fosse che ogni tanto grunisce e così via. Ovviamente il menù parla di sandwich. Ovviamente tu ne ordini uno, pensando che arrivi un panino di misura normale. Ovviamente quello arriva, peccato che il contenuto (che in teoria era tenderloin, che in teoria mi avevano detto essere carne di maiale, che però aveva tutt’altro sapore. Ah, sì, era fritto) fosse grande due/tre volte il contenente. E poi patate, giustamente, a condire. Perché credo che qui si concentri la produzione mondiale di patate, non so come sia possibile che ne crescano così tante sulla terra, ché ogni singolo kansansita si nutre con esse. E poi insomma. Le patate le ho abbandonate quasi subito, il resto ho tentato di mangiarlo interamente, ma è stato un parto al contrario, un cielo notturno illuminato a giorno. Mentre io lottavo contro le doglie, ho assitito alla mia prima tempesta. Cioè, l’ho subita in realtà. Pare per altro che a parte qualche tempesta sparsa, in Kansas non ci siano molti tornadoes, sebbene sia famoso per questo. Mentre stavo at Philly’s, la stoprovandoaessereintraprendente cameriera è entrata in sala a un certo punto (a tentoni, era buio) annunciando la pioggia. Poco dopo è tornata annunciando la tempesta. Poco dopo ancora ha aperto una porta e ho visto un albero piegato e l’emissario di un fiume che stava diventando un immissario del locale, ma poi ha richiuso. Anni di immagini televisive che fronde che vanno spezzandosi verso il vento e finalmente le ho viste. Anche se mi sarebbe piaciuto uscire. Eh vabbè. Ho mangiato al buio non solo per l’attitudine stessa del locale, ma soprattutto perché continuava a saltare la corrente. La usavano giusto per la tv e per un’insegna che non sono riuscito a interpretare, ma quelle andavano e venivano. Ho mangiato del nonsoche fritto nel mio colesterolo a lume di candela con un hippie (perché così me l’ha presentato l’host father che crede nella libertà americana e sostiene che Obama li stia trascinando, uno a uno, nel socialismo, come un grande fan di Obama), una donna da cui non son riuscito a ottenere un granché e un host father che stava alle finestre per avere il segnale al cellulare per una non meglio precisata ragione. E insomma. Usciti poi il caldo se n’era andato, quel caldo che uccide le mucche iniziando a cuocerle già nei campi, ben prima che arrivino da McDonald’s, c’era giusto parecchia acqua per terra che passava poi per aria sotto le ruote delle altre auto e addosso alla nostra auto di conseguenza. Tornati a casa in zona campagna, le mele erano cadute dal melo, e questo non è dovuto al fatto che avessero ottenuto una particolare considerazione di sé. Erano giusto cadute. Erano tutte pressoché marce o in via di decomposizione (spesso era in via di decomposizione pure il verme al loro interno) e le ho raccolte, a una ad una, perché dovevo stare ben attento a dove mettevo le dita ché mai avrei voluto che un qualche parassita mi saltasse addosso e cercasse un’unione carnale con me. L’obiettivo di raccoglierle m’è francamente sfuggito, ché venivano poi gettate in un cassone in cui sarebbero andate a decomporsi. Cosa che a occhio potevano fare anche a terra, ma tant’è. Sono stato assalito da delle farfalle, nel frattempo, nessuna di loro in cerca di un maschio, tutte pronte e decise a spaventarmi. Inutile dire che ci son riuscite. Più utile dire che farfalle così grosse non ne ho mai viste. In realtà, tutti gli insetti kansansiti sono particolarmente grossi, quando proprio sono nuovi per me. Qualcuno ha detto moscavallo? Eh vabbè. Dopo essermi divertito raccogliendo mele da terra per poi scagliarle a pochi centimetri da terra, mi hanno illustrato un rudimentale sistema per scagliare per aria bottiglie, con acqua o meno all’interno, sistema particolarmente importante in caso di attacco alieno o di invasione di ultracorpi, ché i tizi verrebbero fermati piedi e piedi prima che tocchino terra. Manciate di metri, ma trattasi di un sacco di piedi. Poi son tornato a casa. Non troppo interessante giacere a casa per quelle ore, in attesa del bonfire, ché non sapevo bene ancora cosa fosse. Poi ho cercato su wordreference. Il primo falò della mia vita, che storia. Peccato ci fossero tempeste ancora in giro e la pioggia scrosciante mi faceva un po’ dubitare del falò. Però qui le tempeste sono particolarmente sentite, ci sono segnali radio, decine di scritte in sovraimpressione in tv, previsioni ora per ora e cose così e quindi programmano tutto al minuto. Ho assistito a un arcobaleno kansansita. È piuttosto simile al nostro, forse un po’ più grosso. Pffffffff. Il mio fratello kansansita, dopo l’arcobaleno e prima della seconda ondata di tempsta, mi ha chiesto se volessi uscire a cena. Piuttosto per caso, diciamo, ché sarà stato obbligato da qualcuno. Andando, un colpo di vento più forte di un soffio, ma più debole di un colpo di vento ha rovesciato la copertura del retro del truck del caro amico Xander, facendoci accostare, spostare il cosodimetallo su una piazzola, faticare per metterlo nuovamente al proprio posto, rischiare le mani in ogni ordine di posto, aspettare l’amico che viene in soccorso con una corda elastica e non trovare degli agganci per la corda, mentre il nastro adesivo funzionerà divinamente sotto la grandine. Eh vabbè. È comunque stato bello vedere un pezzo di auto sollevarsi mentre eravamo fermi a uno stop, scavalcarci e finire vicino a una stazione di rifornimento. Poi. Pizzeria a buffet con brownies più che discreti, ma l’ho scoperto solo dopo. Quello che ho scoperto subito è che questi kansansiti sono santi quanto dei santini e spacciano birra nei parcheggi di pizzerie discutibili. Per altro, la fremente voglia di Xander (che d’ora in poi chiamerò Zed. Lo chiamo così o Zeta quando parlo [male] di lui in italiano. Ché mi spiacerebbe se si sentisse chiamato in causa e non capisse come e perché ce l’ho proprio con lui), dicevo, di Zed, di ricoprire il suo truck era perché all’interno del retro c’erano tre casse di birra. E non si possono comprare o bere sino a ventuno anni. E lui ne ha diciassette. Paurissima! E intanto ho visto un tizio girare con due sacchi neri dell’immondizia per un parcheggio fingendo nonchalance. Poi siamo andati al bonfire. Dove è stata la tristezza in ogni ordine di idee. Dall’agglomerato di maschi seduti su sedie scomode intenti a guardare una partita di uno sport discutibile quanto il baseball della loro squadra preferita. Partita che per altro hanno perso. Così, per dire. Poi dei bagagliai sono stati più o meno magicamente riempiti di alcool, delle bottiglie idem, e qualche ora e un sacco di chewing-gum dopo mi son trovato a dormire su un pavimento accanto a due italiani ubriachi. Fortuna fortunella che la mattina dopo ho mangiato uova e salsiccia e patate. E insomma. Questi kansansiti mi stupiscono discretamente, vanno fuori di testa per dell’alcool (causa efficiente e non), ma a messa comunicano con una specie sola, perché sotto i ventuno proprio non si può. Pregano ogni sera con la stessa formula particolarmente inflazionata e poi dopo quattro birre stanno vomitando e si preoccupano credendo che il vomito sia nero. E così via. Il peggio rimangono gli italiani ubriachi, ma c’è poco da fare anche lì. Poi son successe delle altre cose tra venerdì e oggi (giovedì 19, 23.09.53), ma non sono granché interessanti. O meglio, non le ricordo. E poi questo post aveva un punto che ho faticosamente raggiunto ora e non vi ho badato nemmeno troppo, ché sabato avevo delle idee e poi le ho perse. Tipo che sempre sabato sono stato a un parco divertimenti. E più che essermi divertito, ho parco, ma chissenefrega. È stato bello. Poi è scattata la routine, l’uniforme, il viaggio agli armadietti durante ogni cambio di ora e mezza, i libri che pesano un sacchissimo perché sono tutti con la copertina rigida, i quaderni quasi sempre inutili, le persone che ti salutano nei corridoi purtroppo non consce che non sai chi siano, gli insegnanti che si fanno tranquillamente perculare dagli studenti e gli studenti che per percularli basta non essere totali deficienti. E insomma, stasera sono uscito in bici. Cioè, uscito in macchina per andare poi in bici. Attorno a un lago. È stato bello, al di là del fatto che indossavo un caschetto. Era sul tardo pomeriggio, sole in tramondando e me lo son goduto da una parte piuttosto alta, a spiovere sul lago a sinistra e sulla strada a destra, con le rondini sopra di me, un arcobaleno che non so da dove provenisse e gli ultimi raggi di sole a morire dietro una collina. È stato bello. Poco dopo, una volte mi ha tagliato la strada. Mi fosse successo un mese fa, avrei detto che non era granché. Ora dico che non è big deal. Bisogna solo capire se è cambiato qualcosa.

Dammi tutto quello che non ho.

4 Risposte to “La presunta santità di Zed”

  1. Laura Says:

    uh, insomma hai iniziato scuola!

    Non ho ben chiaro chi sia Zeta, ma va be’…

    Spero che non siano tutte bionde! ;P

  2. Gianluca Says:

    Post spettacolare :)

  3. magamagò Says:

    ma chi gliel’ha fatto fare di trasferirsi dalla california in kansas, al tuo host father???? :D

  4. manty Says:

    torni?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: